Pat Foreste Demaniali

Logo stampa
 
Header_FD8
Siete in:  Home /  Pat Foreste Demaniali
 
 

» Foreste demaniali della Provincia autonoma di Trento

Sono le foreste di proprietÓ della Provincia, individuate come patrimonio indisponibile a favore di tutta la ComunitÓ Trentina, meritevoli di particolare tutela per l'elevato valore naturalistico e socio-culturale.

Per la loro importanza sono state incluse tra le "invarianti" del Piano Urbanistico Provinciale, in quanto elementi territoriali che costituiscono caratteristiche distintive dell'ambiente e dell'identitÓ territoriale da tutelare e valorizzare al fine di garantire uno sviluppo equilibrato e sostenibile.

Il nucleo storico delle foreste demaniali Ŕ concentrato nel settore nord-orientale del Trentino (foreste di Cadino, Paneveggio, San Martino di Castrozza, Valsorda e Valzanca) ma altre importanti proprietÓ sono collocate nell'area centro-meridionale della Provincia (Monte S. Pietro, Bondone, Scanuppia, Campobrun).

 
Approfondimenti

» Eventi e notizie

  • Terra trentina

    Pubblicato il nuovo numero di "Terra Trentina" (Periodico trimestrale della Provincia autonoma di Trento) contenente due contributi riguardanti l'attività della nostra Agenzia.

     

     
  • Corsi boscaioli icona

    Si informa che è pubblicato il catalogo delle attività 2021

    (link diretto al catalogo in PDF)

     

    Per il 2021 saranno disponibili i seguenti corsi di tipologia riservata alle imprese:

    OP 1 – Operatore forestale
    OP 2 – Operatore forestale specializzato
    COND 1 – Installazione delle gru a cavo forestali e tecniche di esbosco
    RESP 1 – Responsabile della conduzione di utilizzazioni forestali (per il conseguimento del “Patentino”)
    AGG 1 - Aggiornamento per Responsabile della conduzione di utilizzazioni forestali (per il rinnovo del “Patentino”)

    I corsi pubblicizzati con il catalogo vengono attivati di norma con almeno tre richieste di partecipazione.

     

    Importante: a causa dell'attuale situazione sanitaria, fino a diversa comunicazione la foresteria di san Giorgio non sarà accessibile ai corsisti

     

    (link a pagina dedicata ai corsi per boscaioli con le informazioni relative, la modulistica, i riferimenti)


     

» Comunicati Stampa

  • Si intitola “Trentino Clima 2021–2023” ed è il programma coordinato dall’APPA, l'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente, che porterà all'adozione di una “Strategia Provinciale di Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici”. Oggi la Giunta provinciale, su proposta del vicepresidente e assessore all'urbanistica, ambiente e cooperazione, ha approvato questo programma di lavoro che punta ad orientare l’azione di contrasto ai cambiamenti climatici dell’amministrazione provinciale.
    Per l'amministrazione provinciale è fondamentale raccogliere la sfida del cambiamento climatico, ormai evidente nelle Alpi e in Trentino, con impatti non solo sull’ambiente e sugli ecosistemi, ma anche su importanti settori socio-economici, come l’agricoltura, il turismo e la produzione di energia idroelettrica, sulla salute umana e sulla sicurezza della popolazione, e su risorse, finora ritenute garantite, come acqua e suolo. Questo documento aiuterà a mettere in campo le opportune misure di contrasto ai cambiamenti climatici nella programmazione e nella pianificazione settoriale. L’APPA, in quanto struttura tecnica di riferimento, sarà responsabile del coordinamento e della realizzazione di 'Trentino Clima 2021-2023'. Il programma, che era stato approvato in via preliminare a fine 2020 e in seguito sottoposto a verifica condivisa con le strutture e gli enti scientifici provinciali, definisce gli obiettivi, gli ambiti di lavoro e le attività concrete propedeutici alla costruzione della Strategia, nonché i soggetti coinvolti, i tempi previsti e i risultati attesi.

     
  • Un?escursione tra prati e pascoli alpini alla scoperta delle particolarità degli habitat di montagna, con un?attenzione particolare alle erbe spontanee, ma anche alla storia dei luoghi e alla geologia delle Dolomiti. È il ricco programma di ?Passeggiando nella biodiversità?, la seconda - facile - escursione in programma sabato 26 giugno a Penia nell?ambito del progetto ?Bioagrimont?. Ovvero l?iniziativa, che sta per ?Biodiversità agraria e alimentare associata alle produzioni agricole e zootecniche di montagna, conservazione e tutela del paesaggio agrario?, coordinata dal Servizio provinciale Politiche di sviluppo rurale, in collaborazione con FEM, Muse, CREA, Museo Civico di Rovereto, e finanziata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, per preservare la biodiversità agricola e alimentare.

     
  • Si scrive Bioagrimont, si legge "Biodiversità agraria e alimentare associata alle produzioni agricole e zootecniche di montagna, conservazione e tutela del paesaggio agrario?. Si tratta di un progetto coordinato dal Servizio provinciale Politiche di sviluppo rurale, in collaborazione con FEM, Muse, CREA, Museo Civico di Rovereto, e finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, per preservare la biodiversità agricola e alimentare. Il percorso, che coinvolge portatori di interesse, enti e soggetti del territorio, prenderà il via il 20 maggio a Cavalese e potrà essere seguito sia in diretta streaming sui social della Provincia, sia in presenza, compatibilmente con l'evoluzione della pandemia e con le normative anticovid. Una data significativa perché quel giorno si celebrano la Giornata nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare e la Giornata Mondiale delle Api. E due giorni dopo, il 22 maggio, cade invece la Giornata mondiale della Biodiversità. In questa settimana nella quale si celebra la diversità ambientale e alimentare, l'evento di Cavalese farà il focus sulle buone pratiche del Trentino e sull'importanza della biodiversità nella vita quotidiana di tutti noi.

     
  • La Provincia Autonoma di Trento, in collaborazione con il Muse, promuove fino al 30 giugno una campagna per sensibilizzare le persone che frequentano gli ambienti dove i piccoli di cervo e capriolo affrontano le loro prime settimane di vita. Raccoglierli, pensando che siano abbandonati, compromette il loro futuro in libertà. Questo il messaggio rivolto a tutta la popolazione - con un invito preciso a non raccogliere i cuccioli nel caso di un incontro fortuito - e agli operatori addetti allo sfalcio dei prati.

     
  • La Provincia autonoma di Trento lancia un?iniziativa per sostenere le imprese che si occupano di lavori boschivi in una fase successiva all?emergenza Vaia. Su proposta di Giulia Zanotelli, assessore all?agricoltura, foreste, caccia e pesca, la Giunta provinciale ha approvato la delibera con cui si dà l?avvio al bando annuale 2021 rivolto alle aziende per l?acquisto di mezzi e attrezzature forestali. ?Costituisce una priorità per l?amministrazione - queste le parole di Zanotelli - sostenere le imprese forestali e tutta la filiera del legno locale nell?importante attività volta a rimarginare le ferite inferte al nostro territorio montano e forestale dai danni causati dalla tempesta Vaia. È bene ricordare che le operazioni hanno già permesso di ottenere importanti risultati riguardo agli alberi schiantati avviati all?utilizzazione e che le attività sono proseguite senza sosta nonostante le difficoltà legate alla pandemia. Il bando annuale 2021 per l?acquisto di mezzi e attrezzature forestali va nella direzione di un ulteriore sostegno degli sforzi in atto?.