Pat Foreste Demaniali

Logo stampa
 
Header_FD9
 

La Foresta Demaniale di San Martino

Situata nell'alto bacino del Torrente Cismon al cospetto delle splendide Pale si San Martino, la proprietà si estende su 2.200 ettari di cui i boschi costituiscono poco più del 45%.


L'ambiente/La fauna

Il bosco, favorito da un clima ideale e dalla natura dei terreni, è costituito prevalentemente da abete rosso (Picea abies Karst). Tra i 1350 e i 1800 metri, la pecceta produce legname di buona qualità con assortimenti simili a quelli della foresta di Paneveggio. Anche qui, tra i ronchi tagliati vengono spesso trovati legni di risonanza che andranno ad incrementare la produzione di strumenti musicali a cassa armonica.
La fauna, protetta con bandita di caccia dal 1982, è particolarmente ricca di specie tra cui spiccano la pernice bianca, il gallo cedrone e il fagiano di monte tra i Galliformi, l'astore, la poiana e l'aquila reale tra gli Accipitriformi, mentre tra i mammiferi troviamo la volpe, l'ermellino, la martora e gli Artiodattili cervo, capriolo e camoscio.


La storia

Fin dal medioevo, in un ambiente naturale di grande bellezza, il bosco che circondava la località Castrozza, veniva frequentato e vissuto da viandanti e commercianti che dovevano valicare il Passo Rolle per spostarsi dalle Valli del Primiero verso la Valle di Fiemme e l'Alto Adige. Nel XII secolo fu eretto un ospizio benedettino che dava alloggio a quanti passavano e si recavano in quota, poi, nel 1418 l'ospizio/monastero venne sostituito da un Priorato dedicato ai Santi Martino e Giuliano. Da qui si evolse la tradizionale ospitalità ed accoglienza che nel tempo portò San Martino di Castrozza a diventare una delle stazioni turistiche più rinomate e frequentate delle Dolomiti. Il bosco ebbe sempre una parte importante dell'evoluzione culturale e sociale dell'abitato e della valle e ancora oggi riveste un ruolo di primo piano sia per glia aspetti legati all'utilizzazione che a quelli ricreativi, turistici e didattici.
La Foresta di San Martino fino alla Grande Guerra era proprietà del Demanio austro-ungarico, poi con l'annessione del Trentino al Regno d'Italia passò all'Azienda di Stato del Demanio Forestale, quindi alla Regione Trentino Alto Adige e successivamente, con norma apposita espressa dallo Statuto di autonomia, alla Provincia autonoma di Trento.
Oggi viene gestita dall'Agenzia provinciale delle foreste demaniali mediante la Stazione forestale demaniale di San Martino e Caoria.


 

Nella Foresta di San Martino informati

Accessi


Situata attorno all'abitato di San Martino di Castrozza la Foresta è raggiungibile tramite la Strada statale 50 del Grappa e del Passo Rolle. Gli accessi specifici ai vari tratti di foresta sono dati da numerose strade forestali chiuse o parzialmente chiuse al traffico pubblico.
Per le visite a piedi ci si serve dei numerosi itinerari che, serviti dalla Strada statale o dagli impianti da sci, portano direttamente nei boschi e alle numerose malghe in quota. Tra le località più frequentate preme segnalare la Valcigolera, la Val di Roda, Ces-Tognola, la Cavallazza, Col verde e l'area limitrofa al Passo Rolle.

 

Numeri utili

Numero unico emergenze: 112

Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino

Azienda per il Turismo San Martino di Castrozza, Primiero e Vanoi

 

Info e contatti

Stazione forestale demaniale di San Martino di Castrozza e Caoria

Indirizzo: Via Laghetto, 16 - 38058 S. Martino di Castrozza
Telefono: 0439.68015
Fax: 0439.767252
E-mail: staz.demanialesanmartinocaoria@provincia.tn.it
Responsabile: isp. forestale s. Renzo Menguzzato

 

 
Approfondimenti
Link